Alberto Garcia-Alix – Autoretrato en moto

RACNA Magazine (non) va in vacanza! Se anche tu, come noi, non puoi fare a meno di nutrirti d’arte, sempre e comunque, segui le nostre rubriche estive. Un’opera al giorno da leggere e guardare su pc ma anche su tablet e smartphone.

Alberto Garcia-Alix – Autoretrato en moto

 

Alberto Garcia-Alix – Autoretrato en moto (1978).
Esponente della Movida, movimento che negli anni 80, ha smosso la vita culturale spagnola dopo i lunghi anni di dittatura.

La potenza di una via che si apre davanti a se. Uno sguardo rivolto per metà alla fotocamera che invita ad andare. La figura sembra trainare verso un qualcosa da scoprire. Verso una libertà da ri-conquistare. La potenza della semplicità di uno scatto che ha tutta la forza un gesto liberatorio. Un messaggio di scoperta e di rinnovo.

biografia

Ripresa dal sito ufficiale dell’artista

La fotografia di Alberto García-Alix è un condensato di storie, storie silenziose ma eloquenti. Immagini con un forte lirismo, poetiche e cariche di tensioni, i visi, i corpi o il profilo degli edifici, poesia pura che esplode davanti i nostri occhi.

La tecnica fotografica di García-Alix si è sviluppata verso un meticoloso uso del bianco e nero.

Download biography/cv

Sito dell’autore:

http://www.albertogarciaalix.com/en/

Disclaimer

Alcune delle immagini utilizzate per questa rubrica sono state prese da Internet e valutate di pubblico dominio. Sono utilizzate da RACNA MAGAZINE per esclusive motivazioni di “cronaca”. Tutti i diritti restano di proprietà dell’autore. Laddove la Redazione non fosse riuscita a contattare l’autore quest’ultimo può richiedere l’immediata rimozione delle immagini utilizzate attraverso la pagina Contatti del sito.
Some photos are taken from internet websites, as public domain content. RACNA Magazine will not have any advantage from them and use them just for journalistic aim. If someone has copyrights and want RACNA Magazine to remove it write it in the Contact form.

A proposito dell'autore

Collaboratore

Sin dalla tenera età avevo capito che quelle piccole parole nere sul foglio bianco erano la mia passione. Così mi iscrivo alla facoltà di Lettere, coronando il sogno del “sapere umanistico”. Intanto scopro che la mia voce piace a chi mi ascolta e la presto per piccoli spettacoli e reading letterari. Scrivo su numerose riviste online e blog e fondo un'associazione culturale (I luoghi dell'anima) per cui organizzo eventi . Mi appassiono sempre più ad un altro antico amore, la fotografia, che diventa parte importante del mio tempo. Poi l'incontro con Marchese Editore, ed è “amore culturale” a prima vista. Da lì, presentazioni, reading e collaborazione al blog about M.E. Infine, per il tempo che rimane, cerco di fare al meglio il ferroviere.