RACNA Magazine (non) va in vacanza! Se anche tu, come noi, non puoi fare a meno di nutrirti d’arte, sempre e comunque, segui le nostre rubriche estive. Un’opera al giorno da leggere e guardare su pc ma anche su tablet e smartphone.

I connect my experience as an outsider who walks the streets and interacts with the city with my more intimate feelings about closed and private spaces

 

Isidro Blasco - New York Planet / c-print, wood

Isidro Blasco – New York Planet / c-print, wood

 

Isidro Blasco [Madrid, 1962]
Isidro Blasco combina architettura e fotografia per dar vita a installazioni di forte impatto visivo attraverso le quali indaga il tema della città, osservata nel suo essere realtà multisfaccettata e polifunzionale.
Utilizzando immagini digitali e materiali da costruzione l’artista spagnolo, ma statunitense d’adozione, crea veri e propri ambienti architettonici, di dimensioni varie, che si presentano come ricostruzioni tridimensionali di quartieri, istantanee di paesaggi urbani, foto sculture capaci di raccontare la complessità della dimensione urbana.

A proposito dell'autore

Collaboratore

Diplomato nel 2015 presso la Scuola di Specializzazione in Beni Storico Artistici dell'Università di Siena, ha allestito diverse mostre, dedicandole, in particolare agli artisti emergenti del territorio campano, tra queste : “La Défense. Priorità del tempo, necessità dello spazio” (2009); “ Sguardi irrequieti. Nuove tracce del contemporaneo” (2009); Mascherata. 6 Ceramisti emergenti” (2010), “InterRail – Un viaggio nell'immagine” (2012) “Green Dreams” (2012). Tra il 2010 e il 2011 ha curato la rassegna “Aperto” a Minori in Costiera Amalfitana; ha collaborato all’organizzazione di “Immaginare la città” (2012) e di “Videa. Rassegna di video arte al femminile (2008, 2009). Ha collaborato alla realizzazione della prima edizione di “Paleocontemporanea” (2014) e coordinato il primo ciclo di “Arte e Linguaggi”, patrocinato dal Premio Napoli (2015). Collabora con il Museo F.R.A.C. di Baronissi (Sa). Scrive per «geaArt. Periodico di cultura, arti visive, spettacolo e nuove tecnologie creative» e «Sofà. Quadrimestrale dei sensi nell’arte».