Lisette Model – Riflesso con la mano

RACNA Magazine (non) va in vacanza! Se anche tu, come noi, non puoi fare a meno di nutrirti d’arte, sempre e comunque, segui le nostre rubriche estive. Un’opera al giorno da leggere e guardare su pc ma anche su tablet e smartphone.

Lisett Model - Riflesso con la mano 1939-1945

Lisett Model – Riflesso con la mano 1939-1945

 

Lisette Model [Vienna – 1901 – New York – 1983]
Artista per caso, appassionata di musica, soprattutto di quel Jazz che raccontò attraverso i suoi scatti, Lisette Model cominciò i suoi esperimenti fotografici verso i trent’anni maturando quello stile, conseguenza di un approccio diretto e senza compromessi, con il quale raccontò i lati peculiari dell’universo umano, dall’ozio della società borghese francese alla miseria del Lower East Side di Manhattan.

Prive di idealizzazione e sentimentalismi, le sue immagini, spesso al limite del grottesco e del paradossale, raccontavano l’insicurezza e la solitudine dell’uomo moderno, mettendone in evidenza vizi, virtù, paranoie e difetti.
I suoi personaggi, evitando l’artificio della posa, vengono perciò colti di nascosto in maniera diretta, senza pietismi, scolpiti da neri profondi e da una particolare attenzione per la posizione del corpo e dei gesti rivelatori di uno status sociale e dei sentimenti.

A proposito dell'autore

Collaboratore

Diplomato nel 2015 presso la Scuola di Specializzazione in Beni Storico Artistici dell'Università di Siena, ha allestito diverse mostre, dedicandole, in particolare agli artisti emergenti del territorio campano, tra queste : “La Défense. Priorità del tempo, necessità dello spazio” (2009); “ Sguardi irrequieti. Nuove tracce del contemporaneo” (2009); Mascherata. 6 Ceramisti emergenti” (2010), “InterRail – Un viaggio nell'immagine” (2012) “Green Dreams” (2012). Tra il 2010 e il 2011 ha curato la rassegna “Aperto” a Minori in Costiera Amalfitana; ha collaborato all’organizzazione di “Immaginare la città” (2012) e di “Videa. Rassegna di video arte al femminile (2008, 2009). Ha collaborato alla realizzazione della prima edizione di “Paleocontemporanea” (2014) e coordinato il primo ciclo di “Arte e Linguaggi”, patrocinato dal Premio Napoli (2015). Collabora con il Museo F.R.A.C. di Baronissi (Sa). Scrive per «geaArt. Periodico di cultura, arti visive, spettacolo e nuove tecnologie creative» e «Sofà. Quadrimestrale dei sensi nell’arte».